2018 © Gianluca Renzi

Pedalare


Io sono romagnolo e quindi vado in bicicletta, da sempre. Qualche tubo saldato, due ruote, una sella comoda, i freni e…via non ci resta che pedalare! Non inquina, non serve benzina; non è nesessario aprire il finestrino, l’aria è tutta intorno a noi. Se se ne vuole di più bisogna pedalare più velocemente ma pedalando più velocemente ci si stanca. Ecco quindi che il sistema di autolimitazione della velocità, di serie in ogni bicicletta, entra in funzione. Ognuno pedala al suo ritmo, a quello che gli permette di non sudare o andare in affanno o a quello che gli permette di arrivare in tempo dove deve andare, solitamente sudando molto.
Qui in Rwanda le biciclette compaiono in continuazione, di ogni tipo e colore, con qualunque carico di qualunque volume. Così vedi transitare bici che trasportano letti, pile di materassi, fieno e taniche di acqua. Poi ci sono le bici taxi con il seggiolino imbottito dietro per trasportare chi non pedala grazie a chi pedala il doppio.

Questo paese, in Africa, pedala molto, sorridendo; non dovremmo smettere neppure noi di farlo.

Bicicletta carica di fieno

Bicicletta carica di fieno

Bici Taxi

Bici Taxi

A spasso in bici al rientro da scuola

A spasso in bici al rientro da scuola, Centro Compassion RW234, Rurenge Student Center

 

Posteggio Biciclette

Posteggio Biciclette

PedaliPedali

On the road

On the road

 

Gianluca Renzi