2018 © Gianluca Renzi

Contrapporre gli opposti


Se dopo aver aver guardato una luce forte guardi un oggetto scuro, quell’oggetto ti sembrerà ancora più scuro. Se inverti l’ordine allora sarà la luce a sembrarti accecante. Contrapporre gli opposti in rapida successione ne esalta le differenze e può lasciare frastornati. Molto probabilmente sarà quello che succederà a me a breve: due giorni e volo via; cambio continente, vado negli Stati Uniti, in Nevada, a Las Vegas, per lavoro.

Far seguire alla emozionante e delicata esperienza in Africa, in Rwanda per Compassion, una trasferta a Las Vegas è sicuramente una contrapposizione forte. Al brillare degli occhi dei bambini si sostituiranno le luci impazzite della Strip; il canto e le grida di gioia lasceranno il passo alla musica assordante e al rumore delle slot machine; al desiderio di vita e la ricerca delle cose più basilari per la sopravvivenza si contraporrà la malattia del gioco d’azzardo, l’inseguimento di una improbabile ricchezza fine a se stessa per la quale spesso chi ha già molto rinuncia a tutto, anche alla propria dignità.

Ci sentiamo da Las Vegas, presto.