2018 © Gianluca Renzi

Il mio primo giorno di scuola


Al centro Compassion RW 250- Kimisagara a Kigali ci sono centinaia di bambini ad accoglierci. Non se ne stanno con le mani in mano ma sono sui loro banchi di legno, a scuola e ci aspettano. Adoro i bambini ed entrato nella classe, per il mio primo giorno di scuola in Rwanda, non so dove guardare, quale bimbo salutare, quale fotografare.
I bambini dei centri Compassion in Rwanda vengono dalle aree più povere. Spesso orfani o figli di madri sole, quasi sempre pagano le pene di colpe non loro che hanno radici nel terribile genocidio di venti anni fa che segna ancora il paese. Sono bambini che studiano e possono immaginare un futuro migliore grazie all’aiuto del centro che gli permette di studiare, mangiare, crescere in modo sano.

I bambini più poveri del Rwanda sono splendidi, sorridenti e giocosi come i bimbi di tutto il mondo. Per noi al centro Compassion cantano, sono bravissimi, e poi tutti assieme (in questo centro sono circa 300) si esibiscono in un girotondo, sotto il sole ed in mezzo al verde. Questa è vita, vita dura, vera.